Archivi tag: Tenores di Bitti

Intervista Xavi Lozano Palay, musica con gli oggetti

foto di Ana Antoñanzas

Una settimana fa girava su Facebook un video in cui un ragazzo suona una transenna come fosse un flauto, ricordate? Guardate QUI
Ho subito scritto a Xavier, artista e aggiungo filosofo di Badalona, un paese vicino a Barcellona; così questi giorni ci siamo visti su skype. La nostra conversazione, principalmente in spagnolo, è stata molto fluida, ho anche chiesto a Xavi di suonarmi qualcosa e.. non avete idea.. 

 

Hola Xavi que tal?
Ciao Martina Buongiorno, parlo un poco d’italiano.. come estas?
Una semplice presentazione due parole sul caldo afoso che investe la Spagna e l’Italia; sin da subito scopro che abbiamo conoscenze in comune, per la serie quant’è piccolo il mondo e poi via a parlar di musica.. 

Bueno Xavi come ho visto il tuo video in cui suoni la transenna, tempo 30 secondi e ti avevo già chiesto un’intervista, non ho mai visto nulla così..
Muchas Gracias, ciò che faccio già da qualche anno è questo: suono oggetti a fiato. Il video in cui sto suonando la transenna è nato così, tre settimane fa suonavo a Barcellona e, vedi io non pubblico quasi mai i miei video su facebook, però stavolta ho detto ma si dai e la risposta è stata incredibile perché in meno di due settimane aveva oltre 700.000 visualizzazioni e oggi sono oltre 950.000. Nessuno dei miei video ha mai avuto una risposta simile, tranne quelli pubblicati da un’emittente televisiva che ha registrato oltre cinque milioni di visualizzazioni.
Fb è uno strumento molto potente, immagina che 5 tra i tuoi contatti condividano un tuo video e che ognuno di loro abbia 800 amici e moltiplica all’infinito..
Exacto es exponecial..
Xavi Lozano Palay
foto di Ana Antoñanzas

Come hai iniziato a creare strumenti musicali, da cosa è nata quest’idea?

Io ho iniziato a studiare musica quando avevo 8 anni, ho fatto il conservatorio e suono il piano, sax e tutte queste cose oltre a uno strumento tipico catalano che è una specie di flauto ad ancia doppia, una sorta di oboe tradizionale. Ho sempre fatto il musicista, vivo di questo da sempre. Ora ho 45 anni, quando ne avevo 18 circa mi interessai alla musica indiana del nord e iniziai a suonare del flauto di bambù di quella zona e a collezionare flauti appassionandomi anche a quelli arabi che sono obliqui e.. guarda..Xavi scompare per qualche secondo e và a prendere alcuni strumenti, così mentre parliamo, suona e mi spiega che il flauto indiano si suona esattamente con lo stesso meccanismo della transenna.. ovvero come un flauto traverso. Quello arabo è invece un semplice tubo cilindrico che può essere anche la gamba di una sedia o un tubo per l’irrigazione. 

Quando iniziai a suonare il flauto arabo, mio nonno si era rotto la gamba e girava con le stampelle e gli ho chiesto di sedersi un attimo, ho smontato la sua stampella e mi sono messo a suonarla.
E tuo nonno?
Mio nonno era sopreso, gli è piaciuto. Quello è stato un momento molto importante nella mia vita, perchè ho capito che potevo suonare gli oggetti che non son pensati per la musica ma sono perfetti e talvolta son migliori di uno strumento standard. Così iniziai a lavorare con le scuole, mostravo gli strumenti di tutto il mondo e tra questi suonavo la stampella ma i bambini mi dicevano “questo non è un faluto!”Così ho iniziato a incorporare oggetti ai flauti e nel frattempo facevo anche musica fusion e cose sperimetali soprattutto.. Circa 8 anni fa un amico mi ha detto che stavano cercando persone per un programma tv e mi son presentato perché volevano un attore che sapesse suonare, bueno, io non sono attore però, vamos a ver.. un’avventura e alla fine ho vinto! Mi hanno fatto condurre un programma anche se la mia immagine non è molto elegante per la tele, alla fine ho fatto una serie di 28 puntate che andavano in onda ogni giovedì tra il tg e la prima serata quindi era visto da milioni di persone. Dopo son stato chiamato in altri programmi e la gente mi saluta per strada e cose così, mi fermano e mi chiedono come mi è venuto in mente di suonare le carote e cose del genere..
E adesso?
Adesso suono sia solo sia con un trio. Da poco son stato ospite in una Tv Coreana e Cinese e questo e ciò che faccio ora.
Sicuramente è una cosa unica al mondo..
Questa è una cosa che piace ai media anche se io non amo moltissimo la televisione ma capisco che le mie performance son qualcosa di curioso e culturale.
Penso che i bambini siano uno dei pubblici più incuriositi da ciò che fai… la sensazione che ho mentre parliamo è che tu sia un surrealista, un po’ come Dalì che rendeva possibili situazioni impossibili nella realtà..
Bueno (ride mentre menziono Dalì), grazie per il complimento. La reazione và di pari passo con l’età, quelli più curiosi in realtà sono gli adolescenti perché capiscono, più son grandi più si incuriosiscono..Inoltre quella è un’età di cambiamenti e credono di sapere tutto.. Io non voglio insegnare nulla, sono solo una persona che ha scoperto una cosa. Mi piace anche con gli adulti e moltissimo con gli anziani.
E loro che reazioni hanno?
I bambini spesso mi dicono che è magia musicale e io sono un mago senza cappello e senza coniglio! Altrimenti mi chiedono quali sono le cose che invece non sono riuscito a suonare. Io rispondo sempre che le verdure son difficili e che la cosa che non sono ancora riuscito a suonare è il peperone, troppo irregolare, l’idea è di suonarlo come un’ocarina..
Quanti flauti possiedi?
Sono circa 400 da tutto i mondo più altri strumenti ma non ne conosco il totale. Ho inoltre moltissimi fischietti.
Ci sono altri musicisti nella tua famiglia?
No..
A questo punto seguono una serie dì dimostrazioni in cui Xavi suona un mattone, una bottiglia d’acqua, una stampella, un tortiglione con  uno spaghetto, un manubrio e altre cose.. poi mi fa qualche domanda su di me, sul mio lavoro, sul blog.. e poi proseguiamo nella nostra chiacchierata.


Xavi quanto tempo passa tra l’idea e la realizzazione di uno strumento? 
Tieni presente che secondo me in passato la gente viveva meglio, la musica è sempre esistita ma gli strumenti no. Quanti oggetti buttiamo senza renderci conto che invece potrebbero essere qualcos’altro? Prima se volevi ascoltare musica dovevi suonarla, così una signora con una padella ecc… questo istinto sta dentro ognuno di noi.
Come tornare alle origini, immaginare e creare..
Detto questo bisogna fare diversi esperimenti per ottenere un suono calibrato. Questa è un’operazione matematica sai, su internet puoi trovare molti video che ti illustrano come creare uno strumento..Alla fine Xavi mi dice che verrà in Sardegna a Ottobre, a Bitti per incontrare i suoi amici Tenores, con i quali se non sbaglio è andato in Tour negli Usa e ci diamo appuntamento lì. A Bitti. A Ottobre. Quest’uomo e la sua colta semplicità hanno reso la mia giornata migliore perché è impossibile rimanere indifferenti. Vedere una sua performance ti lascia pensare che non c’è solo una direzione, che la convenzione è tale ma non deve essere universale. 
Abbiamo bisogno di risvegliare i nostri sensi assopiti, dobbiamo aguzzare l’ingegno. Io ragazzi a chiacchierare con tutta sta bella gente mi sento davvero fortunata e persone come Xavi DEVONO essere esempi perché non è tutt’oro quello che luccica ma vale anche il contrario. 


Ecco il video della nostra video Chat diviso in tre parti: nella prima parte Xavi suona flauti tradizionali, nella seconda e terza suona musica con gli  oggetti. 

Ho inserito i video in ordine inverso perchè preferisco guardarli così. 
Buona Visione