Archivi tag: Sgt. Pepper rubbish

Keith Richards, John Lennon e George Harrison non amano Sgt. Pepper’s e quindi?

Premessa
Keith Richards Sgt Pepper'sI Beatles sono stati la prima band che ho amato. Quando ero all’ultimo anno d’asilo volevo imparare a scrivere per poter raccontare la più interessante storia su di loro, raccoglievo ogni cosa, articoli di giornale, fotografie e ascoltavo Help, l’unico disco, assieme a un 45″ di George Harrison, di cui disponevo. Però avevo capito che erano diversi. Almeno per me, Beatlemaniaca di 5 anni. Poi sono andata a scuola, babbo natale mi ha regalato un mangianastri portatile e mi son fatta duplicare un sacco di cassette loro, anche se gli album li ho scoperti pian piano. Per esempio dai 13 ai 16 anni ero totalmente in fissa con il White Album. Molto, moltissimo. Nel corso degli anni la mia passione è aumentata esponenzialmente e nel 2008 sono andata da sola a Liverpool per circa 20 giorni per conoscere il loro Big Bang. Purtroppo era agosto e c’era un raduno internazionale dei Fan dei Beatles quindi non son riuscita ad entrare a casa di Zia Mimì in Menlove Avenue che si trova subito dopo quell’edificio ottagonale in cui c’è scritto Sgt. Pepper’s. Una cosa che mi ha sorpresa, guardando Liverpool munita della guida per beatlemaniaci è come in quel luogo tutto parli di loro, ma io son fusa, son stata pure nel wolworths dove Cinthya ebbe le doglie per Julian. Comunque questa sono io e i Beatles li ascolto da sempre, sono la mia cornice musicale, un non-limite che contiene tutto il resto, dalle canzoni italiane anni 30 ai Chemical Brothers, da Patti Smith a Brian Ferry, da Lalo Schifrin a Paul Anka. 
Keith Richards Sgt Pepper's
Sgt. Pepers è un disco strano perché si percepisce, ascoltandolo, che è interamente costruito a tavolino, mentre gli altri dischi, quelli precedenti, credo siano stati composti più sul divano o al pianoforte.
Ora mi pongo un paio di domande:
Mi piace Sgt. Pepper’s? Si.
È il mio disco preferito dei Beatles? No, la loro perla è Revolver
È quindi Revolver il disco che ascolto di più? No. Il disco che ascolto di più è Abbey Road
È questo l’album a cui sono più affezionata? No. In questo caso la risposta è Help ma il mio pezzo preferito è in Rubber Soul.
Potrei stare anni a parlare dei significati simbolici attribuiti a Sgt. Pepper’s, alla sovracoperta e a tutto il resto, ma non sono qui per fare una lezione di storia. Sgt. Pepper’s è un ottimo disco, diverso dai precedenti e quasi completamente scollegato dai pochi successivi. Credo che sia stato un adeguamento al tempo, un galleggiare nella corrente della Summer of Love, in cui questi ragazzi non ancora trentenni non erano né She loves you ye ye né Happiness is a Warm gun. Questo album è un tassello obbligato della loro meravigliosa discografia e quando l’ascolto penso sempre alla plastica. Sgt. Pepper’s è un disco di plastica, artificiale e artificioso ma non per questo è spazzatura.
John Lennon su Sgt. Pepper’s

 

Dico sempre che preferisco l’album doppio (White album), perché lì la mia musica è migliore; non mi importa nulla del concetto generale di Pepper, potrebbe anche essere migliore ma per me la musica era meglio nell’album doppio, lì ero davvero me stesso.  Penso che sia semplice come il nuovo album (Plastic Ono Band), come “I’m so tired” in cui c’è solo la chitarra. Mi sentivo più a mio agio con quella roba che non con la produzione. Non mi piace la produzione ma Pepper è un buon disco, va bene.
(John Lennon)

George Harrison su Sgt Pepper’s

Per me Sgt peppers è stato stancante, è stato un po’ noioso perché, bene c’è stato qualche episodio in cui mi so divertito, ma non amo coì tanto quel disco. […] In quel momento era qualcosa che non volevo fare, stavo perdendo interesse nell’essere un Fab.

Keith Richards su Sgt. Pepper’s

I Beatles erano grandi quando erano i Beatles. Ma non ci sono moltissime strade nella musica. Penso che loro l’abbiano persa. Perchè no? Se tu  sei un Beatle negli anni ’60 tu l’hai persa e dimentichi cosa volevi fare, così inizi a fare Sgt. Pepper’s.  Alcuni pensano sia un album geniale, ma credo sia un accozzaglia di spazzatura, tipo Satanic Majestic –Oh se tu puoi fare un sacco di merda, allora possiamo farlo anche noi.*

Keith Richards Sgt Pepper's
Conclusioni

Vi piace Sgt Pepper’s? Bene, benissimo, alla grande, anche a me! Se Keith Richards, amico e vicino di casa di Paul alle Barbados col quale fà spesso colazione, si permette di dire una cosa del genere, beh, son certa avrà i suoi motivi e senz’altro avrà studiato e vissuto la Fab Four Story da vicino. Sgt Peppers è il primo vero distacco dei Beatles dai Beatles, se si parla di emozione, di coinvolgimento, partecipazione indubbiamente questo disco può essere considerato un fallimento. Anyway a me piace parecchio.
 
John, sei stanco di essere un Beatle?
No, atrimenti sarei un Rolling Stones

Leggi anche 
John lennon, diario di una fan, altrimenti ci sono altre cose tipo Is Paul really Dead? o Goats head soup..