Archivi tag: Eugenio Finardi

Intervista. Eugenio Finardi in musica e parole

Eugenio Finardi è uno degli artisti italiani più interessanti in assoluto. Aspettavo di incontrarlo da tempo e il fato ha voluto che sia stato lui a venire da me, ha infatti suonato Musica e Parole nel mio paese, Villacidro, in occasione del XXX Premio letterario Giuseppe Dessì
 
Eugenio Finardi Musica e Parole Premio DessìLei è figlio d’arte, quando ha pensato che la musica potesse diventare
il suo lavoro, la sua strada?
Ho pensato che la musica potesse essere il mio lavoro quando mi si è formata la prima sinapsi nella pancia di mia madre che era una cantante lirica, mio padre invece era tecnico del suono nel cinema e produceva nastri magnetici. In realtà mia madre mi ha concepito con lo specifico scopo di produrre un cantante, la musica è sempre stata la mia vita, non ho mai avuto un’altra fantasia se non quella di essere un cantante. Per fortuna ci son riuscito, ho inciso il mio primo disco a 9 anni, a 10 e 11 anni ne ho fatti altri due.
Quindi non c’è stato un rito di passaggio
Si, esatto, il grande cambiamento è stata la scoperta della musica rock blues a 13 anni. Quello è stato un momento di svolta. A quel punto la scelta consapevole è stata che non sarei diventato un cantante lirico ma rock. A 20 anni avevo già firmato il mio primo contratto con la Numero 1, avevo già fatto il corista…
Insomma la gavetta l’ha fatta letteralmente quand’era in fasce
Si anche a scuola, ero quello che cantava alle feste  e pensavo già  “sono un cantante!”
Una delle sue principali caratteristiche è che lei è un artista fra la gente. La seguo sulla sua pagina Facebook e ho notato che interagisce sempre con
i luoghi e le persone che incontra e con chi ha una storia da raccontare; a parer mio questa sua qualità è molto rara, credo che molti artisti del suo calibro abbiano perso la capacità di vivere la semplice  quotidianità
In realtà in 40 anni di carriera ho tenuto questo lungo, lungo diario della mia vita cosa che più o meno fanno
molti solo che io nel mio non ho scritto solo le mie cose personali, i miei amori, i miei figli e le mie passioni. In realtà proprio una delle mie passioni è l’osservazione delle persone, della società, del cambiare della politica, dei
movimenti civili e quindi ho testimoniato anche ciò che vedo e vedevo attorno a me, la gente che incontro, le situazioni che loro vivono talvolta finiscono nelle mie canzoni.
Queste storie si sedimentano..
Si c’è proprio uno scambio, un’osmosi. Tanti trovano normale che uno venga influenzato dai libri che legge,
dai film e questo succede ovviamente, è però anche normale che in metro guardi una persona davanti a te. Canzoni come La storia di Franco sono un esempio. Da poco sono andato al cinema a vedere i Minions e davanti a me in coda c’era un padre con un figlio ed era ovvio che quello era il fine settimana in cui toccava a lui tenerlo, con questa voglia di compiacerlo ma con un po’ di goffaggine.  Poi magari sono cose che immagino, che proietto però non puoi non sentire la gente che hai intorno. Tante canzoni che ho scritto sono al femminile, Le donne piangono in macchina, nel disco nuovo è nata al semaforo guardando nell’auto accanto. Se fossi uno che cammina nei boschi parlerei di quello ma vivo a Milano…
Lo scorso anno lei è stato ospite di Morgan a X factor come giudice esterno in una bellissima villa che non ricordo dove sia…
Si trova in Austria a Vienna

 

Eugenio Finardi
Secondo lei i talent show e i mass media incoraggiano i giovani verso scelte standard? Se la sua risposta è si come mai non viene ricercata l’unicità?
I giovani durante l’adolescenza hanno questa tendenza a omologarsi, c’è stato un concerto degli One Direction a San Siro -io vivo molto vicino allo stadio- e, a parte mia figlia che aveva 15 anni che era come impazzita, è stato buffissimo vedere come sono arrivate decine di migliaia di ragazze ed erano tutte vestite uguali. Erano veramente tutte uguali!  Poi il problema dei talent show, sai ho avuto anche un amico che ha partecipato a The VoicePiero Dread, un cantante raggae quindi se gli danno un pezzo di Mina o lo fa raggae o non lo suona però non permettono di fare sempre queste cose, quindi si tende a premiare voci standardizzate. Quando sento la radio faccio fatica a capire se la cantante è Chiara o Noemi e anche i ragazzi sono molto standardizzati, giovani carini come i compagni di scuola che possono piacere a una ragazza molto giovane che poi è quella che vota e compra i dischi. La straordinarietà non viene premiata e purtroppo in Italia questo succede anche dopo.  Mi regalano spesso cd, ai miei concerti o via mail, su facebook ed è incredibile quanto siano tutti estremamente simili uno all’altro, no? Ci sono i filoni, i cloni di De Gregori, tantissimi cloni di Capossela, proprio una roba incredibile. Io ho smesso di ascoltarli perché non c’è una volta che me sia arrivato uno diverso. Abbiamo trovato una ragazza di Bologna che collabora con Giuvazza ed è l’unica che abbia dimostrato una certa originalità, le altre voci femminili sono tutte uguali. Urlano alla stessa maniera, c’è Mina c’è Giorgia, serve qualcos’altro. E nessuna ti dice che il suo modello e che sò Mercedes Sosa, Maria Carta, no son tutte su quel binario e i Talent show nutrono questo tipo di atteggiamento.
Mi è venuta in mente una frase di Battisti in cui diceva “l’artista non deve seguire il suo pubblico, deve anticiparlo”.
C’è anche questo televoto, insomma si inizia ad essere famosi e poi è come quel mio amico che si immaginava una storia d’amore tra due attori porno che iniziano facendone di ogni colore e poi man mano che va avanti la loro storia iniziano a prendersi per mano e arriva il primo bacio. I talent show son così hai una botta incredibile di fama e la sostanza se c’è arriva dopo. Anche il meccanismo dell’industria non permette di fare due album prima di raggiungere il successo se non funziona il primo sei fuori.
 Le vorrei chiedere di Gianni Sassi
Gianni Sassi era un genio della comunicazione, un grandissimo intellettuale e di straordinaria cultura e visione perché ha saputo intervenire sulla canzone Italia con una lucidità e precisione in relazione anche ai suoi tempi, sfruttandoli. Ce ne fossero di persone come Sassi, anche perché non era un musicista. Sapeva cosa stava facendo ma lasciava liberi gli artisti. Era un grande creatore di immagini.
Parole e musica..
Sono due opposti perché la parola è soggettiva mentre la musica è assoluta, matematica, i suoi rapporti sono
geometrici. La musica è un collegamento con l’assoluto cosmico, la parola invece è relativa e cambia ad ogni generazione.
(con me c’era una ragazza, Michela, che si occupa di libri sul sito mangialibri.com visitatelo per approfondimenti su questa parte dell’intervista dedicata alle parole!)
 
Eugenio, la saluto con un’autocitazione. Recentemente ho scritto un articolo sui miei 25 dischi italiani fondamentali. Tra i suoi ho scelto Sugo e ho definito lei “importante per la musica italiana come l’acqua santa in chiesa”
Eh addirittura! Approvo la scelta del disco, anche io l’ho riscoperto ultimamente. Conosco pochi colleghi che si riascoltano però di recente mi è capitato random Voglio, un pezzo di Sugo e ho messo su tutto l’album; devo dire che è un’ottimo lavoro, ormai son passati 40 anni ed è come se non l’avessi fatto io, sai mi son cambiate tutte le cellule..
Grazie Eugenio!

Grazie a te!

Dopo l’intervista Eugenio Finardi ha fatto la seconda parte del Sound check. Un po’ più tardi è cominciata la sua esibizione, potente e magnetica. Un elegante riassunto di quarant’anni di carriera in cui, alternando canzoni e narrazione ci ha regalato un’interessante ritaglio di Sé. 
Ringrazio Emiliano Billai per queste meravigliose fotografie.

Eugenio Finardi, Fibrillante sempre in Tour

Eugenio Finardi è un artista che ammiro da
sempre, colpa di mio padre forse, che me l’ha passato nel DNA assieme all’amore per
Jimi Hendrix e i panini infarinati. Negli anni 70’ la sua è stata la voce dei
movimenti studenteschi e nel corso del tempo si è sempre confermato come un artista che sta dalla parte della gente e che ci vive in mezzo. Dopo 15 anni dall’uscita del suo ultimo disco, ha pubblicato lo scorso anno Fibrillante, un lavoro favoloso, profondo e genuino al quale è seguito un Tour ancora in corso.
Ascolta Fibrillante
Continua l’inarrestabile Tournè
di Eugenio Finardi che lo scorso anno ha regalato al suo pubblico
Fibrillante, un disco composto da 11 canzoni
in cui si raccontano Storie di persone, momenti, episodi di vita
vissuta, idee. I toni non sono pacati, anzi il linguaggio popolare è qui
abbigliato con rabbiosi abiti rock anche quando la canzone si fa più
introspettiva.  Il disco presenta alcune
interessanti collaborazioni come quella con Max Casacci dei Subsonica. Le
sonorità profondissime e i testi attualissimi regalano ai buoni intenditori una
riflessione intensa e smagliante che lo confermano come un vero Signore della Canzone
italiana. Un fuoriclasse insomma, di
quelli che raccontano le cose come stanno e non necessitano di grandi giri di
parole per arrivare al punto.
Veniamo al Tour, Finardi s’è
destreggiato tra piazze, pub, teatri e una data a Londra. Questo Fibrillante pellegrinaggio musicale sta attraversando
l’Italia in lungo e largo, consiglio di andare a vederlo! Sulla sua pagina ufficiale si possono scoprire le date in continuo
aggiornamento.