Archivi categoria: Martinameetstones

Martinameetstones. A project to meet The Rolling Stones

I finally get back writing, this is a particularly busy time, with my daughter Linda but I never forget my dream: I would like to meet The Rolling Stones!

The dream

In november 2015 I had a dream that I want to tell you briefly: thanks to a #martinameetstones hashtag I met The Rolling Stones in a space and a place undefined! You know how dreams are, surreal and yet reality. 

That morning I told it to my colleagues and family as the #martinameetstones hashtag continued to rub my head; within a few hours I decided to open an instagram account and I sent a video to the Rolling Stones.

No sooner said, than done.

At the same time I asked people to give me a hand, the idea is that if people use the #martinameetstones hashtag, the chances that the Stones will see my request increases.

Now, life is odd, I could open a channel to ask for a new car, that mine is pretty old but this dream seems so authentic, light and deep that I decided to pursue it.

Martinameetstones goes to London

Why I’m following this dream?

Some people asked me what my purpose is. The answer is simple, I’d like to get to meet these living legends, The Rolling Stones, and have a chat with them. I deal with music everyday and talking with them would be a wonderful thing, I would really like to meet the Band but if that does not happen at least I will have tried it.

Dreaming dreams can be applied to anything, I think about the cyclist Fabio Aru, my compatriot who, with so many sacrifices, has decided to invest his life in a very important dream by making it a job.

You will probably thinking that I can’t compare a dream like mine to a life choice like Fabio’s.

And you’re right but…

As you know there are very important dreams that can be described as real life projects like Fabio Aru dream and other dreams, one shot, carefree, like mine.

Two different things, of course, which in any case cannot be realized by themselves.  

These 3 years I have been in contact with people from all over the world like Philippines, Chile, Canada, England, Massachusetts, Brazil, Ohio, Italy, Ireland, Switzerland, New York. Some of them told me about how they knew The band or their passion, their favourite record etc.

So what?

We always complain about the money, the place where we live, the taxes, the neighbors or the Church bells on Sunday mornings.

You know!

But we must concentrate our energies on the positive things and if we do not have anything good around the corner we have to create something.

Life must have macic moments here and there.

Why not? We need some beauty as we struggle for daily things, We must give ourselves a chance to realize dreams. 

If you want to help me to chase my dream, take a photo or video using the #martinameetstones and #therollingstones hashtags

Ps: you can find me on instagram and facebook

Exhibitionism. The Review of Rolling Stones exhibition

Exhibitionism!

Exhibitionism!

Exhibitionism!

I certainly could not lose The Rolling Stones Exhibitionism, I followed it on the web since the beginning. So last week I flew to London, for a few days. I have several friends in town but one in particular, Marcello, is  A Stones fan as me, so I waited two days until he had an entire day off to come with me at the Saatchi Gallery.

Exhibitionism, the exhibition about The Rolling Stones

Exhibitionism is a journey through more than 50 years in which, through objects, music and suggestions is recreated a magical atmosphere and  the chameleon Rolling Stones’s style. In practice, is not only a display of objects, it is more like walking along their career in a dynamic and interactive way, as well as fun.

The exhibition is divided into nine thematic rooms with more than 500 objects ranging from personal diaries, tools, costumes and notes they took while recording in studio. But there is something more, like some stages prototypes and Art Covers.

Exhibitionism exposition 1-4

Rooms number 1 and 2 Ladies & Gentlemen + Guitars

The Start of the exhibition is characterized by a first room with a huge neon sign “Ladies and gentlemen,” and on the two sides walls are respectively indicated in a dynamic video / sound way all the albums and the map with the tour kilometers covered in the 54-years of their career. An exciting, powerful and evocative introduction even for those who know them very well.

After that, immediately, you are catapulted into a second room with walls covered with guitars.

The first guitars that I observed are those of Keith Richards that are a summary of his sound evolution, from the first Epiphones, to Gibsons, Fenders and a fantastic handmade five-string guitar.

In the room there is a beautiful  Mick Jagger’s acoustic guitar that you can easily find in the Nellcôte photos during Exile on Main Street sessions and some of his harmonics. Finally there are Ronnie Wood’s beautiful guitars.  

At this point the room seems to end but at the center there is something like a Tablet with headphones that simulate a multi 8-track in which you can listen to 8 tracks of the band including Angie, Sympathy for the Devil and others. With the mixer you can isolate all the tools or, if you like, you can mix it up. I had a lot of fun playing that! Marcello and I were there for a while.

exhibitionism ladies and gentlemen

Room number 3 Edith Grove

Now you will be ready to back in Time to the ’60. Rewind the clocks because in a few steps you will arrive in the first battered house where the Rolling Stones have lived at the beginning of their career.

Meticulously rebuilt according to the band memories, Edith Grove, is like the start of the games. In this room you will find  Keith Richards’ notebooks, the first record agreement and the first LP recorded with the name of The Rolling Stones. There are photos, posters and a glittering Charlie Watts drum set.  That’s an Emotion after another. Believe me.

exhibitionism rolling stones

Room number 4 Recording

In this room you’ll find yourself outside a recording studio, rounded by notes, recorders and the first Long Playing (prototype) of Exile in Main Street. If  you are intrested like me in technology, you can also listen to the memories of the band plus Don Was, the current Rolling Stones producer, who will talk about how the huge reel to reel sixties has rapidly switched to lower case and digital technologies. Very interesting is the Keith Richards memory about the multi-track evolution from 2 to 24 tracks. He talks about this subject even in his book Life. At this point you will think that the show is over however you have to climb to the another floor to continue your journey.

stonesism saatachi gallery

Room number 5 Film & Video

Posters and videoclips tell the story of the band from Scorsese’s Shine a light down to Sympathy for the Devil realized by Jean-Luc Godard. Artists who are interested in other artists. Interesting interview with Martin Scorsese.

Room  number 6 Art & Design

This room is dedicated to contamination, the typical Rolling Stones attitude they had since their debut. They have always carefully chosen the artists whose flank for the realization of the album covers and stuff related to the band.

You will pass from the homonymous LP recorded in 1964 to Let It Bleed and the hilarious gestation for the beautiful Some Girls cover. This section of the exhibition has room as well for the prototype of Exile on Main Street cover realized by Robert Frank. You will also find the exciting first drawings that sign the birth of the legendary logo, designed by John Pasche, at that time student of the Royal College of Art.

The Stones have always been the creative people who have been joined by other artists such as Andy Wharhol who designed some of the most famous covers for the Stones as Sticky Fingers and Love You Live. At this point of exhibitionism you will find the Stages evolution with a lot of original models proposed to the band by artists and architects. The most impressive is, in my opinion, the one created for Bridges to Babylon where I stopped for a long time. Not that the Stones are in need of  a special stage to stand out, I would like to joing them in the pub around the corner! However, the intelligence with which Stage as been studied is really impressive. That’s for me a new point of view on their history and now I want to know more about.

Room number 7 Style and Costumes

WhatsApp Image 2016-08-19 at 16.08.26 (1)
That’s me while thinking about photos where Mick Jagger is wearing these clothes

 

This part of the exhibition presents historical clothes of the band. Marcello and I have not taken photos inside the exhibition because we were too much involved in the experience. However, he took this one while I was admiring Mick clothes.  Tweed, velvet and lace have quickly given way to Mick’s stretch clothes and Keith Richards famous spotted jackets used during Voodoo Lounge sessions. The result is a faboulous blaze of fabrics and colors, as the years they just rolled by with changes of style. Not only in music.

Room number 8 Rare and Unseen

Here you’ll find rare objects and some stuff never seen before like the portable Keith Richards’ wardrobe that seems to belong to a pirate or a small toy from early XX century, a little Charlie Watts drum set. You’ll also find the barber’s chair, some of Ronnie Wood paintings and other beautiful stuff.

Room number 9 Peformance 3D

You’ll finally land in the Back Stage full of guitars, amplifiers, monitors, guitar cables, dressing rooms and then… a lovely 3D Final!

Costs and info

The Exhibition is much larger than I expected, with the 9 rooms where I spent more than 4 hours and a half. The ticket costs 23 pounds (about 30 dollars), and you’ll find Exhibitionism in the Saatchi Gallery in London, but you are almost in a hurry because it will definetly close on September 4 to fly and conquer The world.

Next Stop is New York, where it will open in November. For more details about The Exhibition please visit the official website.

Just found a Great The Rolling Stones Radio!

 

 

 

Quando ho deciso di inseguire un sogno: #martinameetstones

Dopo 2 settimane finalmente torno a scrivere, questo è un periodo particolarmente pieno di impegni, durante la mia assenza però è successo qualcosa…
 
Ho fatto un sogno…
Circa 3 settimane fa ho fatto un sogno che vi racconto brevemente, grazie a un hashtag #martinameetstones ho incontrato, in uno spazio e luogo indefiniti, i Rolling Stones! Sapete come sono i sogni, surreali eppure realtà.
La mattina ho raccontato la cosa ai miei colleghi e in famiglia mentre continuava a ronzarmi per la testa l’hashtag #martinameetstones; nel giro di poche ore ho deciso di aprire un canale instagram e inviare un videomessaggio ai Rolling Stones in persona. Detto, fatto.
Nello stesso momento ho pensato di chiedere al web di darmi una mano, l’idea è che più persone usano l’hashtag #martinameetstones più le possibilità che gli Stones vedano il mio videomessaggio aumentano.
Ora, la vita è strana, avrei potuto aprire un canale per chiedere un’auto nuova, che la mia cade a pezzi ma questo sogno di incontrare gli Stones mi è sembrato così semplice, leggero e al contempo profondo che ho deciso di inseguirlo.
Alcune persone mi hanno chiesto quale sia il mio scopo
La risposta è semplice mi piacerebbe stringere la mano a queste leggende viventi, i Rolling Stones, e farci due chiacchiere. Mi occupo di musica e parlare con loro sarebbe una cosa meravigliosa, vorrei davvero incontrarli ma se ciò non dovesse accadere almeno ci avrò provato.
Il discorso dell’inseguire i sogni può essere applicato a qualsiasi cosa, penso al ciclista Fabio Aru, mio compaesano che con tanti sacrifici ha deciso di investire la sua vita in un sogno molto importante rendendolo un lavoro.
martinameetstonesEsistono sogni importantissimi, veri progetti di vita come il suo e altri più leggeri e spensierati, one shot, come il mio. Due cose diverse, certo, che in ogni caso non si realizzano da sole.
In questi giorni mi hanno scritto da tutto il mondo, Filippine, Cile, Canada, Inghilterra, Massachussett, Brasile, Ohio, Italia, Irlanda, Svizzera, New York, un ragazzo che mi segue su facebook vive nello stesso paese di Ronnie Wood, altri mi hanno raccontato di come li hanno conosciuti o della loro passione.
Ci si lamenta sempre, dei soldi, del luogo in cui si vive, delle tasse, dei vicini di casa o delle campane che suonano a festa la domenica mattina, concentrate le vostre energie sulle cose positive che vi circondano e se non ne avete createle, concedetevi un po’ di leggerezza mentre faticate per le cose importanti, date una chance ai vostri sogni.
Se volete aiutarmi a inseguire il mio sogno scattatevi una foto o un video usando  gli hashtag #martinameetstones e #therollingstones
Ps: mi trovate su instagram, facebook e Google+

Keith Richards, John Lennon e George Harrison non amano Sgt. Pepper’s e quindi?

Premessa
Keith Richards Sgt Pepper'sI Beatles sono stati la prima band che ho amato. Quando ero all’ultimo anno d’asilo volevo imparare a scrivere per poter raccontare la più interessante storia su di loro, raccoglievo ogni cosa, articoli di giornale, fotografie e ascoltavo Help, l’unico disco, assieme a un 45″ di George Harrison, di cui disponevo. Però avevo capito che erano diversi. Almeno per me, Beatlemaniaca di 5 anni. Poi sono andata a scuola, babbo natale mi ha regalato un mangianastri portatile e mi son fatta duplicare un sacco di cassette loro, anche se gli album li ho scoperti pian piano. Per esempio dai 13 ai 16 anni ero totalmente in fissa con il White Album. Molto, moltissimo. Nel corso degli anni la mia passione è aumentata esponenzialmente e nel 2008 sono andata da sola a Liverpool per circa 20 giorni per conoscere il loro Big Bang. Purtroppo era agosto e c’era un raduno internazionale dei Fan dei Beatles quindi non son riuscita ad entrare a casa di Zia Mimì in Menlove Avenue che si trova subito dopo quell’edificio ottagonale in cui c’è scritto Sgt. Pepper’s. Una cosa che mi ha sorpresa, guardando Liverpool munita della guida per beatlemaniaci è come in quel luogo tutto parli di loro, ma io son fusa, son stata pure nel wolworths dove Cinthya ebbe le doglie per Julian. Comunque questa sono io e i Beatles li ascolto da sempre, sono la mia cornice musicale, un non-limite che contiene tutto il resto, dalle canzoni italiane anni 30 ai Chemical Brothers, da Patti Smith a Brian Ferry, da Lalo Schifrin a Paul Anka. 
Keith Richards Sgt Pepper's
Sgt. Pepers è un disco strano perché si percepisce, ascoltandolo, che è interamente costruito a tavolino, mentre gli altri dischi, quelli precedenti, credo siano stati composti più sul divano o al pianoforte.
Ora mi pongo un paio di domande:
Mi piace Sgt. Pepper’s? Si.
È il mio disco preferito dei Beatles? No, la loro perla è Revolver
È quindi Revolver il disco che ascolto di più? No. Il disco che ascolto di più è Abbey Road
È questo l’album a cui sono più affezionata? No. In questo caso la risposta è Help ma il mio pezzo preferito è in Rubber Soul.
Potrei stare anni a parlare dei significati simbolici attribuiti a Sgt. Pepper’s, alla sovracoperta e a tutto il resto, ma non sono qui per fare una lezione di storia. Sgt. Pepper’s è un ottimo disco, diverso dai precedenti e quasi completamente scollegato dai pochi successivi. Credo che sia stato un adeguamento al tempo, un galleggiare nella corrente della Summer of Love, in cui questi ragazzi non ancora trentenni non erano né She loves you ye ye né Happiness is a Warm gun. Questo album è un tassello obbligato della loro meravigliosa discografia e quando l’ascolto penso sempre alla plastica. Sgt. Pepper’s è un disco di plastica, artificiale e artificioso ma non per questo è spazzatura.
John Lennon su Sgt. Pepper’s

 

Dico sempre che preferisco l’album doppio (White album), perché lì la mia musica è migliore; non mi importa nulla del concetto generale di Pepper, potrebbe anche essere migliore ma per me la musica era meglio nell’album doppio, lì ero davvero me stesso.  Penso che sia semplice come il nuovo album (Plastic Ono Band), come “I’m so tired” in cui c’è solo la chitarra. Mi sentivo più a mio agio con quella roba che non con la produzione. Non mi piace la produzione ma Pepper è un buon disco, va bene.
(John Lennon)

George Harrison su Sgt Pepper’s

Per me Sgt peppers è stato stancante, è stato un po’ noioso perché, bene c’è stato qualche episodio in cui mi so divertito, ma non amo coì tanto quel disco. […] In quel momento era qualcosa che non volevo fare, stavo perdendo interesse nell’essere un Fab.

Keith Richards su Sgt. Pepper’s

I Beatles erano grandi quando erano i Beatles. Ma non ci sono moltissime strade nella musica. Penso che loro l’abbiano persa. Perchè no? Se tu  sei un Beatle negli anni ’60 tu l’hai persa e dimentichi cosa volevi fare, così inizi a fare Sgt. Pepper’s.  Alcuni pensano sia un album geniale, ma credo sia un accozzaglia di spazzatura, tipo Satanic Majestic –Oh se tu puoi fare un sacco di merda, allora possiamo farlo anche noi.*

Keith Richards Sgt Pepper's
Conclusioni

Vi piace Sgt Pepper’s? Bene, benissimo, alla grande, anche a me! Se Keith Richards, amico e vicino di casa di Paul alle Barbados col quale fà spesso colazione, si permette di dire una cosa del genere, beh, son certa avrà i suoi motivi e senz’altro avrà studiato e vissuto la Fab Four Story da vicino. Sgt Peppers è il primo vero distacco dei Beatles dai Beatles, se si parla di emozione, di coinvolgimento, partecipazione indubbiamente questo disco può essere considerato un fallimento. Anyway a me piace parecchio.
 
John, sei stanco di essere un Beatle?
No, atrimenti sarei un Rolling Stones

Leggi anche 
John lennon, diario di una fan, altrimenti ci sono altre cose tipo Is Paul really Dead? o Goats head soup..

Artista dell’anno: Stones 50 anni in musica

Oggi è stata una giornata all’insegna degli Stones, a deciderlo non sono stata io ma gli eventi:
1. Nella classifica degli artisti che ho ascoltato di più nel 2014 i Rolling sono al 1° posto.
2. Son passati in radio mentre pensavo di metter su un loro disco
3. Ho letto un bellissimo articolo su Grazia.it 

Rolling Stones 50 anni in musica
Al terzo indizio ho deciso di affidare agli Stones il premio “Stereorama 2014” un importante e improvvisato riconoscimento inventato in questo preciso momento.
La band è nata all’inizio degli anni 60′ dall’unione di un paio di ragazzini che avevano in comune la passione per la musica americana dal Blues al Rock, passando per lo skiffle e il jazz. Artisti come Robert Johnson, Chuck Berry e Muddy Waters sono stati alcuni dei nomi più importanti nella carriera “da ascoltatori” dei giovanissimi Mick Jagger, Keith Richards e Brian Jones ai quali si sono poi uniti il cuore pulsante della band, Charlie Watts e Ronnie Wood.  Punti di forza degli Stones, oggi come 50 anni fa, sono l’energia e la trasgressione: le movenze di Jagger, molto provocanti, e la cattiva reputazione di tutti i componenti (fatta eccezione per Charlie) li fanno quasi sembrare personaggi di un romanzo Beat. Certo è che gli Stones sono una grande Live Band che ha fatto la gavetta suonando in giro per locali e che si è conquistata l’amore del pubblico a suon di concerti, finchè i pub eran troppo stretti, la fama è diventata planetaria e la loro musica leggenda.
Stones 50 anni in musicaTumbling dice, Wild Horses, Jumpin Jack Flash, Angie e Simpathy for the Devil, giusto per citare alcuni nomi,  sono  a pieno diritto super pezzi intramontabili e non c’è nulla da fare, il duetto Jagger-Richards è sempre una bomba. Dopo una miriade di dischi, vicende belle e spiacevoli, come la prematura morte di Brian Jones, gli Stones hanno festeggiato quest’anno i 50 anni di carriera: il primo disco omonimo uscì infatti il 16 Aprile del 1964. Quest’estate, dopo averli già visti nel 2006, sono stata a un loro concerto a Berlino in cui Keith Richards e il resto della gang si sono confermati come un’ esperienza meravigliosa e irripetibile, una specie di tatuaggio che son fiera di portarmi addosso.
Difficile selezionare i dischi più significativi della loro carriera ma fra questi non posso non citare Beggars Banquet del 1968, Stiky Fingers & Exile on Main Street (che ascolto sempre uno dietro l’altro) del 71 e 72 e Some girls  del 78′ con un sound da paura. Al momento il mio disco preferito è Goats Head Soup del 1973 che ho recensito qualche mese fa.
Curiosità:
La musica proposta dai Rolling, inizialmente per lo più cover completamente stravolte, risultò al principio degli anni 60 una novità in quel di Londra, tant’è che una sera arrivarono i Beatles in prima fila a un loro concerto. Dopo una chiacchierata, a fine serata si finì nella topaia di Keith e Brian ad ascoltare musica, dando così inizio a una bella amicizia.
Leggi anche Stones on Fire Live!

Stones on Fire LIVE!

Questa settimana sono volata a Berlino per due grandi eventi: il mio primo concerto degli Aerosmith, che ho sognato sin dall’infanzia e il giorno dopo il mio secondo concerto degli Stones. Per accaparrarmi i biglietti dei Rolling ho sudato freddo, ho partecipato a mille aste e infine sono riuscita ad avere tra le mani due biglietti sotto il palco a un prezzo più o meno ragionevole. Il concerto si è svolto in un bellissimo anfiteatro berlinese,Waldbühne, immerso nei boschi, uno scenario mozzafiato per un Evento con la E maiuscola. Il mio posto mi ha permesso di vedere il back Stage, e a un certo punto ho riconosciuto Joe Perry degli Aerosmith e ci siamo salutati. 
Prima degli Stones  ha suonato un gruppo interessante a metà tra Wilson Pickett e Terence Trent d’Arby, con la grinta catartica dei Jet: i The temperance movement. Difficile conquistare una platea intera prima che suonino i signori del Rock, eppure questi ragazzi ci hanno preso in pieno! Davvero una bella scoperta, a quanto ho letto sul sito della band è stato Mick Jagger in persona a volerli portare con se per 4 date, in giro per l’Europa. Che colpaccio ragazzi! 
Dopo la parentesi del gruppo spalla, è partito un remix di Sympathy e poi lui: Keith con scarpe verdi, pantaloni bordeaux, camicia verde e sciarpina in tinta legata al pantalone, la sua chitarrozza e una bandana coi colori della Jamaica, è bastata una pennata e tutti abbiamo capito, quella era Start me up. A quel punto la situazione è diventata critica, noi eravamo 2 italiani in mezzo a un sacco di tedeschi che al massimo agitavano le braccia in maniera contenuta, noi invece facevamo coreografie alla Jagger, in qualche momento l’abbiamo anche sfidato! Tuttavia abbiamo spiegato alla gente affianco a noi che quel giorno eravamo una grande famiglia e incredibile.. alla fine anche loro si son fatti trasportare dalla foga italiana! Quindi l’abbiamo finita a comparire nelle loro foto, con tanto di abbracci a fine concerto e tutte ste’ robe, un nostro amico tedesco ci ha salutati dicendo: “sardinian people is crazy, keep rocking!”. Gli Stones, oltre ad essere bravissimi, sono anche simpaticissimi, al terzo brano Mick ha presentato la band e ha iniziato con: “adesso vi presento il grandissimo, fenomenale..” ed è uscito Ronnie Wood, ma Mick ha chiamato Charlie. Io vedevo il back stage e Keith ridendo gli diceva “ti sta chiamando” lui ha alzato il drink  e la sigaretta e gli ha fatto un cenno per la serie: “fammi fumare in pace poi esco”. Infatti è uscito dopo qualche minuto, quando l’ha deciso lui, dopotutto non ha bisogno di tante presentazioni. Altra cosa divertente, gli Stones lanciano, prima di ogni concerto, un contest su facebook per far scegliere un pezzo al loro pubblico in base ai like e condivisioni, così Mick ha detto: “ora arriviamo al pezzo che avete scelto voi, noi volevamo suonare Wind of Change degli Scorpions ma non l’ha votata nessuno quindi prendetevi Honky Tonk Woman”. Come ho accennato questo è stato il secondo live che ho visto e Jeez.. sono in formissima. Un concerto perfetto armonico, gioiso, già perché gli Stones sono un concentrato di gioia e adrenalina allo stato puro. La scaletta base è stata ampliata con qualche pezzo, tipo Under my thumb e un blues (forse) improvvisato con Mick Taylor che abbiamo visto anche nel loro albergo. Vi spiego, io non ero mai stata a Berlino, son approdata lì 3 giorni per vedermi due concertoni e non è che avessi questa gran voglia di vedere monumenti e robe varie, mi son vista solo il museo della die bruke, perché amo moltissimo l’espressionismo tedesco e Nolde, comunque abbiamo deciso di non fare i tamarri e andare a vederci la porta di Brandeburgo per pranzo, però qualche centinaio di metri prima abbiamo visto un sacco di lingue rosse con macchine fotografiche.. insomma li c’era l’albergo  degli Stones. Abbiamo deciso di prenderci un insalata molto costosa in un ristorante li affianco  e poi siamo rimasti li a chiacchierare con una signora sessantenne e suo marito che non conosceva Mick Taylor -lei lo ha cazziato di brutto-. Il mio amico Samuel, prontamente dall’Italia, ci aveva avvertito mandandoci foto degli Stones che facevano colazione in quella zona la mattina presto, ma mai mi sarei aspettata di finire in fila davanti al loro Hotel. Alla fine loro sono usciti dal retro, noi siamo stati li un oretta, non abbiamo visto le porte di Brandeburgo ma in fondo a Berlino posso tornare quando voglio. Torniamo al concerto, ho visto una band raggiante, carica di adrenalina e positività, un energico Mick Jagger che cercava il calore del pubblico in maniera bramosa ma elegante. Reduce dalla recente scomparsa della sua compagna pare abbia catalizzato le sue energie On Stage, in fondo “the show must go on” e diciamocelo, è impossibile immaginare questi nonnetti (si fa per dire) del rock a casa a non suonare facendo zapping davanti alla Tv, magari mangiando junkfood. No, no, questi son di un altro pianeta. Spero che andiate in massa a vederli al Circo Massimo perché fanno bene al cuore.

Visuale al mio arrivo

Ecco dov’ero io!

Sono una pessima fotografa

Foto dal profilo facebook degli Stones



Leggi anche la recensione di Goats head soup

Goats head Soup, Rolling Stones -ascolto mattutino-

Sono le 6:00 a.m un terribile
temporale mi ha svegliata più di un’ora fa e non riuscendo a dormire mi sono
alzata e ho messo su Goats head soup con il quale adesso vedo l’alba grigia di
questa giornata fredda e invernale.
Questo è un album del 1973 uscito dopo Exile on main Street  e prima
di It’s only Rock and Roll, è nato in un periodo molto prolifico per Rolling ma molto caotico se andiamo sul personale: mentre
Jagger e la sua bella Bianca se la spassavano per bene Keith affrontava la sua
massiccia dipendenza da eroina, Mick Taylor invece molto preoccupato per il suo
futuro, iniziava a dare segni di cedimento, Charlie fortunatamente era come sempre l’ inossidabile colonna portante degli Stones. L’album nacque on the run partendo da alcune
tracce accantonate di Let it Bleed ed Exile. Lo scheletro del disco è stato
registrato in Giamaica, presso gli Dynamic studios -luogo che ha ispirato il
titolo dell’album che non è altro che un piatto tipico della cucina giamaicana-
in cui gli Stones lontani dallo show business si ritrovarono per suonare; le
tracce furono poi perfezionate tra L.A e Londra. Questo è anche l’ultimo album della
band prodotto da Gimmy Miller e il terzo prodotto dalla Rolling Stones Records.
La bellissima copertina è opera di David Bailey, prestando particolare
attenzione si noterà che Keith è stato aggiunto con “copia incolla”  visto che, causa sballo permanente, non si
presentò sul set fotografico.
For Goats Head Soup, Jamaica was one of the few places that would let
us all in! By that time about the only country that I was allowed to exist in
was Switzerland… Jamaica – oh, the music island! We were hearing intersting
sounds coming out of Jamaica, plus they had cheap studios. Dynamic Sound in
Kingston was an amazing place: the drum kits and the amps were nailed to the
floor. Jamaica’s a wonderful place, kind of free and easy. I’d been there on
and off in the 1960s, but only for a visit. After Goats Head Soup I’ve lived
there whenever I can. I have family there – villages welcome me with open arms.
Keith Richards
Rispetto ad Exile questo lavoro è
più morbido e caldo. La tracklist si apre con Dancing with Mr.D, bellissimo pezzo 100% Stones, che molto elegante
ed ammaliante ipnotizza l’ascoltatore con il suo ritmo circolare mandando il
cervello da un’altra parte. L’arpeggio iniziale è suonato da Mick Taylor e non
da Keith che probabilmente era “altrove”.
100 years ago si propone con un ritmo funkeggiante ma rilassato,
impreziosito dal clavinet che contribuisce a creare un’atmosfera tersa anche
quando il pezzo si colora e l’ascoltatore è costretto a balzare in piedi.
Coming down again è una canzone dalla bellezza struggente, in gran parte
grazie alle parti vocali di Richards -mia voce preferita di sempre- accompagnato ai
cori dai due Mick, in parte per la sua struttura sognante che pare fluttuare
sopra il mondo incurante dell’universo.
Doo Doo Doo Doo Doo (Heartbracker) A questo punto dopo aver
quasi volato, non si può star fermi con questo pezzaccio tutto da ballare e secondo supersingolo dell’album in cui l’incisiva sezione dei fiati lo completa dandogli un
ulteriore spinta. Sentite i sotterranei riff di chitarra. 10+
Angie Quand’ero in quarta elementare comprai la mia prima
cassettina dei Rolling, un bellissimo Live, quasi solo perché c’era Angie; Ok
avevo 9 anni e non conoscevo tutte le robe che i miei nonnetti preferiti
avevano combinato ma… che struttura, e il pianoforte? Ecco, una delle cose che
mi commuovono degli Stones assieme alla voce di Keef è il pianoforte, è sempre
usato a regola d’arte dando una sontuosità barocca a pezzi che di barocco non
hanno nulla. Il pezzo inoltre è stato ispirato dalla nascita della figlia di
Keith, Angela -che cosa dolce-, ed è schizzato subito in classifica rimanendoci
per un bel po’.
Silver train è il pezzo necessario dopo aver pianto a dirotto
ascoltando Angie, con Slide di Taylor e armonica di Jagger che imita un treno a
vapore.
Hide your Love is not bad.
Winter è un brano di Mick Taylor, mantiene la linea soft delle prime tracce del disco; tuttavia lo strumento che più mi appassiona è la batteria, vera protagonista di questa traccia: lo stile jazzato e i toni caldi e pacifici di Charlie sono in linea con il
leitmotiv giamaicano.
Can you Hear the music? Questa è la canzone più sperimentale dell’album
con una bella intro fatta di campanelli, flauti, piano e chitarra, poi loro:
Charlie e Mick. Se parliamo di emozioni, questo brano mi fa andare in
cortocircuito, decisamente psichedelico e travolgente, mi commuove. Si, gli
Stones mi commuovono, toccano aree inesplorate del cervello dove solo loro
riescono ad arrivare.  Il ritmo quasi
arreso viene infranto dall’inebriante ritornello che pare un inno al sole.
Star Star in origine si chiamava Starfucker, ma fu censurata. Bel
finale per un grande lavoro.

Tirando le somme questo disco è
soft, inebriante dai retroscena malinconici per veri intenditori, Angie ne è il
“capolavoro” ma dentro questa zuppa ci sono tanti altri ingredienti!

Songwriting and playing is a mood. 
Like the last album we did was basically recorded in short concentrated periods. 
Two weeks here, two weeks there – then another two weeks. 
And, similarly, all the writing was concentrated so that you get the feel of one particular period of time. Three months later it’s all very different and we won’t be writing the same kind of material as Goats Head Soup.
Mick Jagger