Ascolta qui il disco The endless River dei Pink Floyd

Pink Floyd the endless river premi play

Uscito “The endless river” dei Pink Floyd. L’album è diviso in quattro parti più un unico pezzo cantato “louder than words” con testo scritto dalla moglie di Gilmour. Il giorno in cui è stata annunciata l’uscita del disco sono stati montati dei cartelloni con l’immagine della copertina in 10 città sparse per il mondo, tra cui Milano. 

Chi ama i Pink Floyd premerà play con quella bramosia pre-digitale tipica di quando si aspettava che uscisse un disco e poi si andava ad ascoltarlo a casa dell’amico che aveva il migliore impianto hi-fi; magari assieme agli amici più stretti, trasformando il primo ascolto in un evento; bene, ora sono sola in salotto, sento il disco in cuffia ma la sensazione è proprio quella. 
Premi PLAY
In questo disco le suggestioni e richiami ai precedenti lavori dei Pink Floyd sono sempre presenti, con piccoli accenni che appena si palesano son già svaniti lasciando spazio a qualcos’altro. Le tracce del disco sono state estrapolate da “scarti” di lavorazione di The Division Bell e il vero protagonista qui é proprio il grande assente: Richard Wright, storica tastiera della band; ogni brano ha come fulcro le sue dita e sebbene i brani siano stati manipolati attualizzandoli con effetti digitali la sua performance gode di un posto d’onore; David Gilmour si slancia in magnifici assoli e fraseggi fluidi e scorrevoli come l’acqua di un fiume, morbidi, calibrati. Che dire di Nick Mason? Suona come un poeta che recita il suo canto migliore; è fantastico.
Pink floyd the endless river ascoltalo
I Pink Floyd sono sempre una scoperta di colori e sensazioni nuove, ogni loro lavoro ha una magia particolare e unica che difficilmente si ritrova in un altro disco. A chiudere il lavoro Louder than words, l’unico pezzo cantato che  si sublima con la voce calda e confortevole di Gilmour. The endless river é un viaggio misterioso in sentieri non ancora battuti, eppure il cammino pare stia giungendo al termine. Forse alla fine ci sarà un punto grande come una galassia a chiudere il cerchio dei Pink Floyd.  Scatenare la curiosità di un pubblico e farsi attendere come solo i Grandi sanno fare é qualcosa che sta venendo meno, nella musica e nell’Arte. Abbiamo bisogno di sognare e dare valore alle cose importanti. Rimane l’amore per una grande band e una discografia meravigliosa nella mia collezione, che saprà farmi compagnia mentre aspetto il sorgere del sole.
We bitch and we fight
Diss each other on sight
But this thing we do
These times together
Rain or shine or stormy weather
This thing we do

 

With world-weary grace
We’ve taken our places
We could curse it or nurse it and give it a name

 

It’s louder than words
This thing that we do
Louder than words
The way it unfurls
It’s louder than words
The sum of our parts
The beat of our hearts
Is louder than words
Louder than words

 

The strings bend and slide
As the hours glide by
An old pair of shoes, your favorite blues
Gonna tap out the rhythm
Let’s go with the flow, wherever it goes
We’re more than alive

 

It’s louder than words
This thing that we do
Louder than words
The way it unfurls
It’s louder than words
The sum of our parts
The beat of our hearts
Is louder than words
Louder than words

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *